Questo sito ha bisogno della pubblicità per poter essere mantenuto. Gentilmente disabilita il blocco della pubblicità nel tuo browser per questo sito web.
Caricamento in corso...Caricamento in corso...
Caricamento in corso...

Il Ciolo

Il Ciolo è una località della costa adriatica nel territorio di Gagliano del Capo, tra Novaglie e Leuca.

Dall'imponente ponte costruito sul canale del Ciolo, ricco di grotte frequentate sin dalla preistoria, si scorge l'alta falesia calcarea dove si aprono numerose cavità carsico marine.

La grotta del Ciolo è nominata anche grotta della foca monaca, perché il 7 agosto del 1973 il sommozzatore speleologo, Franco Grandi della sezione subacquea dell'unione speleologica bolognese fotografò un bell'esemplare di foca.

Clicca per visualizzare l'immagine

 

Modesto lo sviluppo morfometrico della grotta degli spiriti, delle canale delle marine e dell'aspru, ben più ampio ed articolato quello della grotta della foca monaca e della grotta grande del Ciolo, frequentata dall'uomo della preistoria.

La grotta grande del Ciolo è stata definita da Giuseppe Piscopo (La zagaglia, 1966) "una bellezza naturale degna della penna di un poeta, anche perché arricchita da un laghetto che si ravviva di colori smeraldini e rossi, per l'effetto di rifrazione dei raggi solari e per una roccia compatta di natura ippuritica, che fa da cappello a quasi metà del laghetto".

Alla grotta si accede dal mare nel suggestivo cavernone domiforme alto circa 30 metri e sfondato da un'apertura del diametro di 3 metri.
Il cunicolo orizzontale della carità, lungo circa 100 metri, si raggiunge, dal punto di approdo, dopo aver superato l'imponente frana composta da massi ciclopici di crollo.

Sul Ponte Ciolo invece, è ricorrente il fenomento dei "tuffi". Molti giovani durante il periodo estivo si tuffano da 30 metri di altezza, non a caso il tutto molte volte è ripreso e mandato sulla rete. A testimonianza di cio' vi sono alcune video su youtube.

Da poco, invece, è stato ricostruito il sentiero vecchio del Ciolo, nel quale è possibile osservare la macchia mediterranea e le varie insenature. Il sentiero "della via vecchia pe lu Ciolo" porta da Gagliano del Capo alla costa del Ciolo.

Clicca per visualizzare l'immagine